Massimizzare il recupero delle risorse

I proprietari dei brand e i trasformatori di imballaggi plastici stanno incontrando difficoltà nel reperire plastica riciclata di qualità da utilizzare nei propri prodotti al posto di quella vergine. Per superare questa sfida e soddisfare gli ambiziosi obiettivi di riciclo fissati dalla normativa europea, il settore sta utilizzando tecnologie sofisticate di ultima generazione per produrre plastica riciclata di qualità particolarmente elevata


Poiché la legislazione continua a richiedere una riduzione dei rifiuti plastici, la domanda di plastica riciclata di alta qualità è a livelli record: la plastica è durevole, efficiente e conveniente, il che la rende enormemente vantaggiosa sia per i consumatori che per le aziende. La sfida del nostro tempo consiste nel rendere i prodotti e gli imballaggi di plastica più sostenibili; quando i brand cercano di aumentare la quota di contenuto riciclato per ridurre le emissioni di produzione e soddisfare le richieste dei consumatori, si trovano di fronte a una nuova serie di sfide. Settori come l'automobilistico e il packaging richiedono processi di riciclo sofisticati e tecnologie di selezione avanzate per ottenere materia prima dai rifiuti plastici post-consumo e post-industriali.


Domanda vs. disponibilità di contenuto riciclato

Nel 2020, la produzione mondiale di plastica ammontava a 367 milioni di tonnellate metriche (mt). L'Europa ha prodotto 55 tonnellate di plastica, con il 70% della domanda totale del mercato proveniente dai Paesi più grandi. Il 40,5% del materiale è stato utilizzato per la produzione di imballaggi. Per creare un'economia circolare della plastica, la quota di materiale vergine nella produzione dovrebbe essere ridotta e sostituita da materie prime secondarie. Tuttavia, questo obiettivo ambizioso è più facile a dirsi che a farsi.

Il riciclo della plastica ha certamente avuto la sua parte di cattiva pubblicità, non ultimo a causa del downcycling - in fondo, c'è una domanda limitata per oggetti come panchine da parco, vasi da fiori e dossi. L'industria del riciclo, lavorando in collaborazione con gli attori della catena del valore della plastica, ha ora reso possibile creare un contenuto riciclato simile a quello vergine grazie al riciclo meccanico avanzato; non solo questo dimostra di essere un'alternativa economicamente fattibile e pratica alle materie prime vergini, ma fornisce anche a riciclatori e impianti nuovi flussi di reddito. Anche nel caso di rifiuti plastici altamente contaminati, come i rifiuti solidi urbani, è oggi possibile ottenere materie prime di qualità che possono essere utilizzate per creare nuovi prodotti.

S&P Global Platts Analytics prevede che entro il 2030 più di 1,7 milioni di tonnellate di polimeri vergini saranno sostituiti da plastiche riciclate meccanicamente - rispetto alle 688.000 tonnellate del 2020. Ad oggi, solo una piccola parte dei riciclati è stata utilizzata per la produzione di nuovi materiali; la maggior parte dei riciclati sono usati per applicazioni di qualità inferiore. Quindi, come possono industrie come quella automobilistica, alimentare e cosmetica assicurare una fornitura affidabile di materie prime riciclate di alta qualità? Per colmare la carenza di materiale, bisogna iniziare con una raccolta efficace dei materiali riciclabili: i sistemi di restituzione dei depositi, per esempio, sono una best practice globale per il riciclo dei contenitori per bevande in un sistema a ciclo chiuso. Non c'è una soluzione unica per tutti e, per raggiungere la circolarità, sono necessarie soluzioni complementari per catturare altri prodotti fatti di plastica, come gli imballaggi in pellicola post-consumo. Mitigare la contaminazione e aumentare le quantità di riciclati recuperati in tutti i flussi di rifiuti è fondamentale per il futuro della plastica.


Nuovi sviluppi nella legislazione

Per permettere un maggiore riutilizzo della plastica e fornire contenuto riciclato a lungo termine per il mercato, riducendo così la dipendenza dalle materie prime, è necessario un nuovo approccio. Per esempio, molti Paesi introdurranno o hanno già introdotto schemi di responsabilità estesa del produttore, che danno ai produttori una responsabilità significativa lungo tutto il ciclo di vita del prodotto, dalla progettazione alla fase post-consumo. Queste politiche incentivano i produttori a considerare i fattori ambientali nella produzione degli imballaggi e a contribuire alla riduzione dell'impatto ambientale dei prodotti. La legislazione gioca un ruolo fondamentale nel sostenere gli investimenti infrastrutturali, compresa la raccolta efficace, la selezione e il riciclo dei rifiuti di plastica. Le direttive sulla plastica e gli obiettivi obbligatori di contenuto riciclato possono stabilire il quadro adeguato a dare priorità alla circolarità e superare le difficoltà legate al recupero delle materie prime.

I quadri vincolanti costituiscono un intervento importante e necessario nel mercato: favoriscono la gestione sostenibile dei rifiuti e invitano l'industria ad aumentare l'uso dei riciclati, assicurando la domanda e gli investimenti nelle infrastrutture. La direttiva sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio in plastica, introdotta dall'Unione Europea nel 1994, è tra le leggi che definiscono gli obiettivi di contenuto riciclato, creando mercati finali per le materie prime secondarie. La direttiva rende obbligatorio per i produttori di imballaggi di utilizzare almeno il 50% di contenuto riciclato nella produzione di nuovi imballaggi in plastica entro il 2025 e più del 55% entro il 2030. Nel 2021, l'UE ha introdotto una direttiva sulla plastica monouso (Single-Use Plastics) che richiede un minimo del 25% di contenuto riciclato nelle bottiglie in PET entro il 2025 e un obiettivo di raccolta differenziata del 77%. I Paesi con sistemi di restituzione dei vuoti rappresentano una best practice da seguire: la Germania raggiunge un tasso di raccolta del PET del 98% e l'Olanda segue da vicino con il 95%.

Per quanto ci sentiamo vicini a un'economia circolare, abbiamo ancora molta strada da fare. Secondo Zero Waste Europe, le nuove bottiglie contengono solo il 17% di PET riciclato (rPET), in media; nel frattempo, il 69% degli altri prodotti in PET sono fatti con rPET dalle bottiglie, deviando i materiali dal previsto processo a ciclo chiuso. Idealmente, i materiali plastici dovrebbero essere riciclati più volte nella stessa applicazione per assicurare una fornitura adeguata alla produzione per tutto il tempo economicamente possibile.

Le direttive sono un passo avanti decisivo, ma c'è margine di miglioramento. Per esempio, c'è poca legislazione che specifica l'uso di contenuto riciclato post-consumo (PCR) che potrebbe colmare il divario tra domanda e offerta. Negli Stati Uniti, lo stato della California guida gli obiettivi più ambiziosi per il PCR nelle bottiglie per bevande: le leggi californiane sul contenuto riciclato (California Recycled Content Laws) fissano gli obiettivi PCR al 15% entro il 2022, al 25% entro il 2025 e al 50% entro il 2030.


Riciclo meccanico avanzato e collaborazione lungo la catena del valore

Aumentare l'uso del contenuto riciclato richiede che l'intero settore si attivi, progetti imballaggi riciclabili e migliori la fornitura di riciclati di qualità con strumenti sia nuovi che esistenti. L'applicazione dell'approccio Holistic Resource Systems alla gestione dei rifiuti combina sistemi di restituzione dei depositi (DRS), raccolte separate per flussi di materiali selezionati e selezione di rifiuti misti per recuperare la plastica per il riciclo meccanico avanzato.

Oltre ai flussi di raccolta differenziata, la selezione dei rifiuti misti sta dimostrando di fornire plastica di alta qualità per il riciclo. Gli esempi di AVR, un impianto di selezione rifiuti misti dei Paesi Bassi, ha provato che la selezione dell'indifferenziata con tecnologie di nuova generazione riesce a catturare una quantità di plastica per il riciclo superiore di 12 volte rispetto alla raccolta differenziata, riducendo le emissioni di CO2. Altri impianti di selezione, come i norvegesi IVAR IKS o ROAF, mettono in luce anche l'enorme potenziale che la selezione dei rifiuti misti offre se i comuni e le aziende investono in tecnologie e processi avanzati.

Oggi, i riciclatori e i gestori di impianti di selezione devono affrontare il compito di pulire i rifiuti contaminati fino a un livello adatto per l'ulteriore lavorazione. Allo stesso tempo, i proprietari dei marchi e i trasformatori che acquistano plastica riciclata richiedono mono frazioni di elevata purezza, selezionate per tipo di polimero e colori. Adottando una nuova tecnologia di selezione basata su sensori, gli operatori degli impianti possono selezionare e purificare efficacemente plastica preziosa dai flussi di rifiuti per fornire al mercato frazioni di PET o PO. Per creare prodotti di maggior valore, è necessaria una combinazione di soluzioni di preselezione e selezione delle scaglie (flakes): in primo luogo, i selezionatori NIR a infrarossi separano la plastica da contaminanti come i polimeri indesiderati e i materiali estranei; la plastica purificata viene poi triturata, lavata e asciugata. Le scaglie di plastica risultanti vengono poi lavorate in una fase secondaria con un sistema di selezione scaglie ad alta precisione che può individuare scaglie fino a 2 mm di grandezza. Questi sistemi ultra-flessibili permettono agli operatori di definire se desiderano selezionare i materiali in base al tipo di polimero e/o al colore, creando prodotti su misura anche per i requisiti più esigenti.

L'eccezionale tecnologia di questi sistemi è in grado di selezionare una vasta gamma di colori, tra cui i richiestissimi fiocchi naturali, trasparenti e azzurri, oltre a tutti i colori brillanti, garantendo al contempo la massima purezza del polimero. In questo modo, gli operatori hanno i mezzi per ridurre al minimo i livelli di contaminazione e fornire all'industria materiali di alta qualità che possono trasformare in riciclati simili a quelli vergini.

Mentre la maggior parte dei riciclatori preferisce la plastica proveniente da flussi di materiali singoli con livelli di contaminazione più bassi, gli operatori possono procurarsi più materiali per soddisfare la domanda "pulendo" la plastica dalle impurità. I rifiuti di imballaggio post-consumo, per esempio, possono essere una fonte eccellente di polimeri riciclabili e sono disponibili in grandi quantità; anche se più contaminati rispetto ai rifiuti plastici post-industriali, sofisticati sistemi di selezione possono recuperare e purificare automaticamente i materiali utilizzando processi avanzati di riciclo meccanico. Anche questo aumenterebbe la disponibilità di materiale PCR sul mercato.

La collaborazione è fondamentale nel riciclo della plastica: migliorare la riciclabilità e aumentare la quantità di contenuto riciclato richiede che l'industria vada a monte, perché il riciclo di alta qualità inizia nella fase di progettazione. I proprietari dei brand sono incentivati a implementare il design per il riciclo per facilitare il processo di selezione. Più il design di un prodotto è complesso e colorato, più è difficile da riciclare. Quindi, per massimizzare il recupero delle risorse, il design del prodotto, la tecnologia di selezione e il processo generale devono completarsi a vicenda. Con tutti i metodi, dal design del prodotto alla sua gestione a fine vita che vanno di pari passo, è evidente che il cambiamento non viene da un singolo attore della catena del valore: per innovare e trasformare l'industria, tutti devono fare la loro parte.


Vantaggi

Il settore del riciclo offre un enorme potenziale, ma la limitata disponibilità di contenuto riciclato, i riciclati di bassa qualità e la mancanza di incentivi finanziari ostacolano la sua evoluzione. La legislazione e la consapevolezza dei consumatori segnalano che è il momento di ridurre i rifiuti e rendere il riciclo una priorità. Processi di selezione altamente efficienti che permettano agli MRF e ai riciclatori di creare mono frazioni di elevata purezza anche dai flussi di rifiuti più contaminati, garantiranno una fornitura a lungo termine di contenuto riciclato. Come parte della tabella di marcia verso la circolarità della plastica, la capacità di creare contenuti riciclati simili a quelli vergini apre nuovi flussi di reddito per le strutture di selezione e i riciclatori. L'utilizzo di tecnologie di selezione basate su sensori fornisce un vantaggio economico all'intera catena del valore della plastica.

 

In foto: Alberto Piovesan, Segment Manager Plastics TOMRA


Altri contenuti simili

TECNOLOGIE

Tomra Recycling e l’impianto norvegese di IVAR hanno dimostrato che la selezione dei rifiuti misti prima dello smaltimento rappresenta una...