Combattere il cambiamento climatico

Tomra porta la gestione dei rifiuti ad un livello superiore dimostrando il potenziale del sistema olistico per contrastare i cambiamenti climatici


Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) delle Nazioni Unite del 2016 sono stati recepiti e concretizzati dalla Commissione Europea che con la nuova legge UE sul clima ha aumentato l'obiettivo di riduzione delle emissioni dal 40% ad almeno il 55% entro il 2030 (in linea con quanto emerso durante il vertice mondiale sul clima di Glasgow). TOMRA, in linea con il proprio ruolo di leader nell'innovazione nel settore circolare, vuole contribuire al raggiungimento degli obiettivi e portare la gestione dei rifiuti a un livello superiore. Un nuovo studio commissionato da TOMRA e condotto da EUNOMIA dimostra il potenziale di un sistema ottimizzato di gestione dei rifiuti per contrastare i cambiamenti climatici. Nel complesso, è possibile una riduzione di 2,76 miliardi di tonnellate di CO2 l'anno.

Questa riduzione può essere raggiunta usando sistemi olistici di gestione delle risorse: la combinazione ottimizzata delle migliori pratiche per la raccolta, la selezione e il riciclo dei rifiuti, in grado di facilitare la transizione verso un'economia circolare per prevenire l'esaurimento delle risorse, ridurre i rifiuti e contribuire a un mondo a impatto zero.
I sistemi olistici di gestione delle risorse sono una combinazione ideale di regolamenti quadro politici, come la responsabilità estesa del produttore, schemi di restituzione del deposito cauzionale e processi tecnici per la gestione dei rifiuti. Eunomia, società di consulenza per la sostenibilità con sede a Londra, ha esaminato vari modelli per identificare lo scenario più efficiente e conveniente per un sistema olistico.

Il risultato è chiaro:
• I sistemi di restituzione del deposito su cauzione per le bottiglie in PET e i contenitori di metallo per bevande, che forniscono un tasso di restituzione superiore al 90%, dovrebbero giocare un ruolo centrale in tale sistema.
• Per quanto riguarda i restanti rifiuti domestici, solo i rifiuti organici, la carta, i tessili e le apparecchiature elettriche ed elettroniche dovrebbero essere raccolti separatamente.
• Il resto dovrebbe rimanere in un flusso di rifiuti misti che può essere separato nel modo più efficiente in materiali riutilizzabili per un ulteriore riciclo.
Questo permetterà a modelli olistici personalizzati a livello regionale di tagliare le emissioni globali di CO2 fino al 5% - l'equivalente di mettere a terra tutti i voli commerciali a livello globale e togliere il 65% delle auto dalla strada.
"Ora è il momento di un'azione concreta per assicurare che le imprese smettano di sprecare risorse con tutte le conseguenze negative connesse. In molti luoghi, la pandemia ha aiutato a raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi sul clima", sottolinea Volker Rehrmann, vicepresidente esecutivo e responsabile della divisione TOMRA Recycling/Mining & Circular Economy. "Ma anche il mantenimento di questo livello richiederà un'implementazione determinata e coerente, che comprenda i sistemi olistici, per chiudere il cerchio".
I tre elementi della gestione olistica dei rifiuti sono:
• I sistemi di restituzione dei depositi (DRS) per i contenitori di bevande in PET e metallo forniscono un tasso di restituzione di oltre il 90%. Questi sistemi massimizzano la raccolta di materiale di alta qualità e ad alta intensità di CO2, riducendo allo stesso tempo i rifiuti.
• La raccolta separata di rifiuti organici, carta, tessuti e apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) permette di riciclare questi materiali con il massimo beneficio in termini di CO2. Anche se le raccolte differenziate sono una parte intrinseca delle risorse olistiche, i tassi di recupero anche nelle migliori pratiche non sono abbastanza buoni. Sarà sempre necessario un'ulteriore selezione della frazione residua dei rifiuti.
• La selezione dei rifiuti misti (RSU) genera ulteriori tassi di raccolta e riciclo di gran lunga superiori a quelli che gli altri elementi possono fornire. L'incenerimento o la messa in discarica della plastica e di altri materiali ad alto contenuto di CO2 generano inutili emissioni di gas serra. I rifiuti urbani riducono queste emissioni e restituiscono più materiali al sistema per essere integrati in nuovi prodotti. Gli RSU devono essere considerati una priorità d'investimento ora, in quanto sono un sostegno necessario per garantire che i sistemi di gestione dei rifiuti catturino il maggior numero possibile di risorse da riciclare.


Best practice DRS - Lituania

Nel febbraio 2016, il governo della Lituania ha implementato il sistema di restituzione del deposito (DRS), per dare ai consumatori un incentivo a restituire i contenitori per bevande usati per il riciclo. TOMRA ha supportato la Lituania nell'implementazione del nuovo sistema di deposito dei contenitori, lanciato nel febbraio 2016 con una tempistica serrata. Questa è stata la prima volta in assoluto che TOMRA ha lavorato con un modello throughput in Europa. Il sistema lituano di deposito dei contenitori ha superato le aspettative, con il 91,9% di tutti i contenitori di bevande restituiti per il riciclo entro la fine del 2017.


Best practice MWS - IVAR IKS/Stavanger

Un modello esemplare del quadro dei sistemi olistici delle risorse si trova nella regione che circonda Stavanger, Norvegia. Prima dell'analisi, la regione offriva un sistema completo di raccolta differenziata per i rifiuti organici (cibo e giardino), carta, imballaggi di plastica, vetro e tessili. Il sistema IVAR IKS ora tratta tutti i suoi rifiuti solidi urbani residui in uno dei più avanzati impianti di RSU in Europa. Il risultato: un impianto di selezione dei rifiuti misti di nuova costruzione, completamente automatizzato, che include strutture all'avanguardia per la rilavorazione della plastica e la selezione della carta.

IVAR IKS ha ottenuto miglioramenti significativi nei tassi di riciclo complessivi; tra i più importanti il recupero della plastica e dei metalli, fondamentali nella riduzione delle emissioni che causano il cambiamento climatico. I cambiamenti di sistema implementati, tra cui la selezione dei rifiuti misti, hanno portato i tassi di riciclo ai vertici della categoria. A partire dal 2021, IVAR IKS è al 1° posto in Norvegia nei tassi di raccolta degli imballaggi in plastica post-consumo.


Testare per credere: TOMRA Recycling inaugura il nuovo Test Center per la selezione dei flakes
Il 22 settembre 2021 TOMRA Recycling ha inaugurato a Parma il nuovo Test Center per la selezione dei flakes, dove l'azienda, in costante espansione dei servizi offerti, svilupperà nuove applicazioni e soluzioni per la selezione dei flakes di PO e PET.

Fabrizio Radice, VP e Head of Global Sales and Marketing di TOMRA Recycling, ha aperto l'evento, spiegando nel dettaglio le ragioni che hanno portato a investire in un nuovo Test Center: "Abbiamo osservato una domanda crescente da parte dei clienti di test per la selezione di flakes assieme a una forte richiesta del mercato di plastica riciclata di alta qualità. Per questo è necessario individuare, sviluppare e ottimizzare le tecnologie e le soluzioni necessarie a raggiungere questo obiettivo. Questo è esattamente ciò che faremo nel nuovo centro, in stretta collaborazione con i nostri clienti e partner".

Alberto Piovesan, Segment Manager Plastics EMEA & Americas, ha presentato la strategia di selezione dei flakes e la posizione di TOMRA nel segmento della plastica. Il pubblico ha appreso così che l'azienda mira ad accelerare e sviluppare il settore attraverso la sua vasta esperienza applicativa e industriale, la sua consulenza e le tecnologie più avanzate.
Il nuovo Test Center giocherà un ruolo cruciale in questo senso, come sottolineato da Piovesan. "In appena un anno e mezzo, abbiamo creato un luogo dove nascono idee e innovazioni per rispondere al meglio alle attuali tendenze del mercato. Cosa ancora più importante, stiamo lavorando a soluzioni indispensabili per qualsiasi impianto di selezione e riciclo che miri a migliorare la qualità della plastica riciclata."

Un forte accento è stato posto anche sui nuovi trend nel riciclo della plastica e sulle implicazioni che questi hanno sul settore. Una delle tendenze è la discrepanza tra la qualità in entrata e quella in uscita. Mentre ci si aspetta che i materiali in entrata siano di qualità inferiore, il materiale in uscita deve essere della più alta qualità possibile.
Affrontare e risolvere queste nuove sfide rende critica l'applicazione delle ultime tecnologie di selezione. In qualità di pioniere del settore, TOMRA comprende chiaramente il suo ruolo nel segmento e sviluppa continuamente nuove tecnologie e ottimizza quelle esistenti per soddisfare al meglio le esigenze dei clienti e del mercato. Piovesan ha dichiarato che gli attuali trend del mercato hanno portato a un'elevata domanda di poliolefine riciclate, ma i tassi di riciclo sono ancora bassi. Poiché l'azienda vede un potenziale crescente nel riciclo delle poliolefine, dedicherà ulteriormente la sua attenzione e le sue competenze a innovare le applicazioni dedicate a questo materiale.

Attualmente, TOMRA è ben posizionata nel segmento della selezione dei flakes, per il quale ha due sofisticate selezionatrici. Ida Semb, Product Manager di TOMRA Recycling, ha offerto maggiori dettagli e presentato le caratteristiche principali di AUTOSORT® FLAKE e INNOSORT FLAKE, entrambe utilizzate per il recupero dei flakes (PET, PO, PVC) fino a 2 mm con i tassi di purezza richiesti dal mercato, dai proprietari dei marchi e dai trasformatori. AUTOSORT® FLAKE eccelle nelle applicazioni di fascia alta dove il livello di contaminanti è piuttosto basso, ma i requisiti di qualità sono particolarmente elevati. INNOSORT FLAKE viene applicato per flussi più contaminati ed è disponibile con un sensore specifico per selezionare le poliolefine. Con la sua larghezza di 2 metri, INNOSORT FLAKE fornisce un risultato di selezione precisa mentre lavora fino a 6 tonnellate all'ora.