TANA Italia: il waste management italiano

Ripercorriamo la storia di Tana Italia. L'azienda umbra che si è affermata come realtà solida in grado, grazie all'esperienza e alla competenza maturata negli anni, di fornire sempre la soluzione migliore nell'ambito del waste

Negli ultimi tempi si è assistito ad un crescente interesse rivolto alla discarica quale possibile destinazione a basso costo della frazione residua di rifiuti non pericolosi derivata dai processi di valorizzazione o riutilizzo che non trova altra destinazione.
Dalla preparazione del materiale da conferire alla corretta stratificazione, alla maggior costipazione possibile, tutto contribuisce a ridurre l'impatto ambientale e ad ottimizzare l'uso degli spazi.
Nel 1971 TANA Oy progetta e produce la prima macchina per la compattazione dei rifiuti in discarica. Da allora sono stati prodotti migliaia di compattatori distribuiti in tutto il mondo. L'attenzione dell'azienda Finlandese volta ad ottimizzare il processo di messa in riserva dei rifiuti, ha portato come naturale evoluzione all'ampliamento della gamma con una classe di trituratori mobili e stazionari estremamente versatili ed unici.
Uno dei punti di forza è la fiducia dei Clienti nel prodotto TANA data l'elevata qualità di ogni macchina, che propone un sistema di controllo interno di qualità "a tolleranza zero", che consente di fornire macchinari la cui affidabilità è da sempre riconosciuta.


COMPATTAZIONE

Fin dagli esordi TANA ha progettato compattatori a due tamburi a larghezza totale, che limitando l'inevitabile estrusione laterale al bordo del tamburo imprimono la massima densità al materiale da compattare. Peraltro è la soluzione applicata anche in ogni altro settore per la compattazione di superfici e banchi di materiale. Assieme al telaio articolato, alla rigidità orizzontale ed alla lama frontale questa soluzione permette di raggiungere i più elevati standard di compattazione e di controllare costantemente la planarità dell'area di lavoro.


TRITURAZIONE
Fin dai primi trituratori prodotti nel 2005, le particolari soluzioni tecniche adottate hanno rivelato l'estrema versatilità dei macchinari TANA che ad oggi trovano applicazione in diversi settori industriali e del waste management, dalla semplice triturazione primaria fino alla riduzione in pezzature definite fino mm. 0/50, mantenendo una qualità eccellente con usure e costi ridotti.
Ma la storia della Finlandese TANA Oy in Italia non può essere disgiunta da quella della Service Pompe S.r.l. di Umbertide (PG), che grazie alla trentennale esperienza di Maurizio e Massimo Moretti nell'assistenza per macchinari e impianti in ogni settore industriale, ha costituito un sicuro riferimento per TANA e per i Clienti che da decenni ne utilizzano le macchine.
Nel 2019 questo rapporto di fiducia si concretizza nella nascita di TANA Italia, con l'intento di consolidare commercialmente la distribuzione dei prodotti TANA in Italia. Nonostante alcuni indicatori economici descrivano scenari poco stimolanti, l'identità di vedute e la fiducia nelle proprie capacità che accomuna la Casa Madre e i componenti di TANA Italia, sono stati la molla che ha dato il via a questo ambizioso progetto.
Anche dietro alla migliore macchina, ogni utilizzatore vuole trovare un'assistenza puntuale e competente, e qui l'esperienza e l'affidabilità dell'Azienda umbra diventa il fattore determinante.
TANA Italia nasce dalla precisa volontà di non disperdere l'esperienza e la competenza acquisita in anni di lavoro sulle macchine TANA e per raggiungere questi obiettivi sono stati pianificati importanti investimenti dal punto di vista tecnico, logistico e delle risorse umane.
Un ulteriore tassello è stato aggiunto con la nomina di Stefano Rivella nel ruolo di Sales Manager. Tana Italia intende così dare un segnale positivo e ottimista al mercato Italiano nel settore dei rifiuti, puntando a realizzare sul territorio una rete di collaborazioni prima ancora che di vendita. Grazie alla sua esperienza maturata frequentando gli impianti "senza paura di sporcarsi le scarpe" nell'ambito dei player di riferimento del settore dei rifiuti, Stefano è sempre stato un referente sicuro ed affidabile per le persone che hanno avuto a che fare con lui, siano essi Clienti, costruttori, operatori o tecnici di manutenzione. Il suo approccio orientato all'analisi dei processi produttivi prima ancora che alle macchine, la precisa conoscenza delle capacità e dei limiti delle diverse soluzioni possibili lo rendono un referente sicuro e affidabile per i Clienti, non di rado iniziando da alcune semplici informazioni per arrivare ad analizzare soluzioni più complesse.