ECOMONDO 2022

Manca poco all'appuntamento con la green economy. Dall'8 all'11 novembre prossimi in Fiera di Rimini andrà in scena la 25ª edizione di Ecomondo, il salone di Italian Exhibition Group dedicato all'economia circolare e piattaforma business leader in Europa e nel bacino del Mediterraneo per l'incontro di domanda e offerta del settore per guidare la transizione ecologica

L'appuntamento, che si terrà in contemporanea con Key Energy, manifestazione di riferimento per favorire e accelerare la transizione energetica e il processo di diffusione delle energie rinnovabili, è il place to be per il mondo istituzionale, associativo, imprenditoriale, della ricerca e dell'innovazione nel campo della bioeconomia circolare e della sostenibilità sociale, economica e ambientale.

I CONVEGNI DI ECOMONDO

Gestione, valorizzazione e trasformazione dei rifiuti, bioeconomia circolare e bioenergie, trattamento e gestione della risorsa idrica, bonifica e riqualificazione di siti contaminati, dismessi e a rischio saranno questi i macro-temi in cui si articolerà l'edizione 2022 di Ecomondo, che vedrà come protagonisti esperti, ricercatori, aziende e istituzioni nazionali e internazionali. Una sempre maggiore presenza della Commissione europea rende l'appuntamento di IEG di primo rilievo europeo e mediterraneo sul fronte dell'innovazione e delle policy della transizione ecologica, anche grazie al lavoro dei due Comitati Tecnico Scientifici, quello di Ecomondo diretto dal professor Fabio Fava dell'Università di Bologna e quello di Key Energy diretto da Gianni Silvestrini, direttore scientifico del Kyoto Club.

Tecnologie e metodi innovativi per la valutazione e la mitigazione del rischio da frana e sistemi integrati per il monitoraggio di opere in aree affette da pericoli naturali, antropici e ambientali saranno al centro dei convegni a cura dell'Associazione Geotecnica Italiana. Numerosi anche gli interventi sui temi della bonifica e riqualificazione dei siti contaminati, tra cui gli Stati Generali per la salute del Suolo, a cura del Comitato Tecnico Scientifico di Ecomondo, European Mission A Soil Deal for Europe e Re Soil Foundation, e casi studio di economia circolare nel settore delle demolizioni.

Sul tema della gestione e valorizzazione dei rifiuti, ci saranno convegni sulle tecnologie innovative per il riciclo, sullo sviluppo industriale e il mercato dei rifiuti speciali e dei rifiuti urbani tra sviluppo industriale, ma anche su come il PNRR cambierà la gestione dei rifiuti urbani in Italia e sugli strumenti operativi e di valutazione per la gestione di materiali ed energia in un'economia circolare. Tra gli speaker, rappresentanti di Utilitalia, ATIA - ISWA, CIC, ISPRA, ECN, Società Chimica Italiana, Assoambiente.

Altro filone di grande interesse è quello legato alla gestione e valorizzazione delle acque. Trattamento e valorizzazione di fanghi di depurazione, inquinanti emergenti, digitalizzazione per città e industrie water-smart, PNRR e gestione della risorsa idrica, sfide ed eco-innovazione contro la scarsità d'acqua e la siccità saranno indagati insieme a enti di riferimento per il settore a livello nazionale ed europeo, come Water Europe, IRSA-CNR, ISS, Utilitalia, Istituto Superiore di Sanità, Legambiente, Università Politecnica delle Marche.

Al centro del dibattito anche la rigenerazione delle aree costiere e dei porti e adattamento ai cambiamenti climatici, la Blue Circular Bioeconomy nel bacino del Mediterraneo e l'impegno dell'Unione Europea per un Mar Mediterraneo sano e senza inquinamento. E ancora, seminari e convegni sul monitoraggio e controllo ambientale, la qualità dell'aria e la sostenibilità ambientale delle opere.

L'economia circolare sarà poi protagonista di eventi che tratteranno di materiali al servizio della transizione energetica, ma anche dell'industria del riciclo e della circolarità nel settore dei RAEE, nelle costruzioni e nell'industria tessile. Le buone pratiche di economia circolare saranno esplorate insieme alle materie prime critiche per il riciclo, al codesign e all'open innovation nel settore packaging, al ruolo fondamentale di città e regioni e il potenziale delle politiche regionali. Tra i relatori, rappresentanti di Reteambiente, ENEA, ERION, UNIRIMA, ASSORIMAP, ASSOFERMET, ISPRA, Ministero della Transizione Ecologica, Scuola Superiore Sant'Anna, UNICIRCULAR-UNIRAU, ICESP.

Verrà esplorato anche il mondo della finanza sostenibile, con incontri sulla lotta contro il greenwashing, le skill lavorative richieste dal Green Deal europeo, la sfida delle competenze per la transizione al lavoro e l'imprenditorialità femminile nel settore green tech.

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti, si rimanda al sito https://www.ecomondo.com/

 

 

 

 

 


Altri contenuti simili