Cangini al bauma con 30 anni di esperienza

Grande successo per Cangini Benne Srl a Monaco. Riflettori puntati sulle innovazioni tecnologiche proposte dall'azienda romagnola, che si presenta all'appuntamento con il mercato mondiale con la vastissima offerta di prodotti che la contraddistingue

"Ci aspettavamo di incontrare al bauma i nostri clienti europei e di fare tanti nuovi incontri, ma siamo andati decisamente oltre le aspettative. La fiera di Monaco ci ha sempre dato ottimi risultati, ma questa edizione ha trasformato ogni giorno in un'occasione eccezionale", ci racconta con soddisfazione il Presidente Giorgio Cangini. "Festeggiare qui l'anniversario dei nostri primi trent'anni è stato emozionante: davvero credo che i clienti di vecchia data, quelli incontrati negli ultimi anni, assieme a chi è appena arrivato in Cangini, tutti si siano sentiti parte del "Mondo Cangini", e questo è uno degli obiettivi più importanti per noi", continua. "Il lavoro di quest'ultimo anno, dedicato soprattutto alle innovazioni di prodotto, ci ha permesso di arrivare all'appuntamento pronti per mostrare quanto l'azienda dedica alla ricerca e allo sviluppo delle soluzioni migliori per gli operatori in cantiere, sia in termini di operatività che in termini di sicurezza".
Presenti in stand tutte le gamme prodotti dell'azienda romagnola: le attrezzature, gli attacchi rapidi e le benne, le tre macro-aree che sono state oggetto sia di ampliamento delle gamme, sia di migliorie tecniche e di vere innovazioni tecnologiche. Le anteprime lanciate al bauma: la nuova Lama Dozer Laser X-Plane, dal design molto più compatto e pulito, con un nuovo sistema laser, la nuova gamma di attrezzature per la pulizia stradale, Easy Sweepy e All Duster, sia per escavatore che per attacco frontale, e i nuovi attacchi rapidi a doppio effetto, ad integrazione di una gamma che è attualmente la più completa al mondo.

Movimenti fluidi, design compatto e massima finitura con la nuova Lama Dozer Laser X-Plane
Studiata per creare un piano controllato e gestire l'operazione con grande precisione, nonchè resistere alle sollecitazioni più elevate, la nuova lama dozer laser è caratterizzata da una struttura robusta resa ancora più pulita e compatta dal suo recente restyling che ha previsto l'inserimento di tubi e fili all'interno del corpo dell'attrezzo e l'ideazione di un nuovo deflettore che permette di ridurre al minimo il beccheggio della macchina operatrice, compattando e migliorando la finitura della superficie appena livellata. La forza che il deflettore esercita sul terreno è controllata dalla cabina, in modo da poterla impostare in funzione del tipo di terreno. Per poter aumentare la capienza del versoio, poi, sono state integrate due nuove sponde opzionali, sia meccaniche che idrauliche, con un'apertura laterale fino a 90 gradi. L'estrema precisione della finitura del livellamento è resa possibile dalla strumentazione laser di ultima generazione: il trasmettitore laser invia i dati al ricevitore che pilota direttamente la lama, creando il piano.
Si può scegliere se pilotare manualmente la lama, basandosi sui dati del trasmettitore visualizzati sul control box in cabina, o se lavorare in maniera completamente automatica.
I display in dotazione sono due: il control box in cabina permette all'operatore di pilotare manualmente la lama in tutte le sue funzioni; grazie al display esterno, posto nel suo campo visivo ottimale, l'operatore monitora costantemente la posizione della lama rispetto al segnale laser, così da intervenire con le eventuali azioni correttive, automatiche o manuali. In questo modo tutto il processo di lavoro è costantemente sotto controllo. Due attualmente i modelli disponibili, adatti per skid loader, pale, terne e telescopici: l'LBD230 Xplane con versoio angolato a 15°, larga 2300 mm e 695 kg di peso e l'LBD250 Xplane, con versoio angolato a 15°, larga 2500 mm e 717 kg di peso.

Easy Sweepy e All Duster: la pulizia stradale non è mai stata così facile
Due attrezzature in una. Grande versatilità per la Easy Sweepy, sia rullo spazzolone che benna spazzatrice. Adatta alla manutenzione e pulitura di piazzali, pavimentazioni, capannoni industriali, strade o ambienti dove è richiesto un elevato livello di finitura, può essere montata su skid loader, pale, terne e telescopici. L'aderenza è stata migliorata, grazie al nuovo sistema flottante che permette alla spazzatrice di aderire perfettamente al terreno mantenendo una maggiore velocità di avanzamento. Con il nuovo design è accresciuta anche la maneggevolezza visto che è regolabile in entrambi i lati di 30°. In più la Easy Sweepy è equipaggiata con un sistema di controllo polveri con nebulizzatori interni ed esterni e due serbatoi da 80 litri ciascuno.
Adatto agli escavatori dalle 4 alle 15 ton, la nuova spazzola All Duster, ideale per la rimozione delle infestanti e la pulizia profonda di cordoli, piattaforme, banchine e aree asfaltate è dotata di una nuova paratia di protezione per favorire il contenimento dei materiali raccolti. La struttura è semplificata e alleggerita, a tutto beneficio della compattezza dell'attrezzatura. Grazie alla nuova inclinazione meccanica o idraulica di 14° consente di pulire differenti superfici, anche appunto non in piano. Infine, può essere equipaggiata con spazzole (rotanti a 360°) di diversi diametri e materiali: dalle setole in acciaio, acciaio e ppl o solo ppl per le superfici più delicate, assicurando una versatilità senza pari. Dell'All Duster esiste anche la versione Frontal All Duster, appositamente studiata per l'attacco frontale che può essere montata facilmente a destra o a sinistra per la pulizia regolare di entrambi i lati della strada. Grazie ad un sistema di giunti flottanti riesce a seguire l'andamento del terreno, così da non trascurare nessuna area di lavoro. La ruota stabilizzatrice è regolabile meccanicamente per impostare la giusta altezza di lavoro e salvaguardare la vita dello strumento.

Attacchi rapidi
In ottemperanza alle più recenti indicazioni della Direttiva Macchine, Cangini Benne Srl, fra brevetti e continua ricerca, offre al mercato svariati modelli di attacchi rapidi.
Nuovo il CS 100 D.E. (compatibile con i sistemi tedeschi e quindi giustamente spinto a bauma) con idraulica a doppio effetto per 12,0-19,0 ton. Lo speciale perno a forma conica permette una miglior distribuzione delle forze grazie all'aumento delle superfici d'appoggio, salvaguardando l‘attrezzatura dall'usura. Con l'adattatore brevettato CS JANUS PRO, l'attacco rapido permette la reversibilità dell'utensile, mentre l'adattatore CS 100 permette l'aggancio a qualsiasi attrezzatura.
Nuovo è anche il CM Sicurmatic: un attacco affidabile e robusto con molteplici sistemi di sicurezza, grazie all'azione del sistema Sicurmatic e della nuova forcella a doppio alloggio. Altrettanto nuovo il PL Sicurmatic, un attacco universale per agganciare senza modificare gli attacchi originali. È personalizzabile e può agganciare benne di escavatori diversi (aggancio sui perni con interassi differenti).

Benna VMS Multiscreening
Le benne vagliatrici di ultima generazione, VMS Multiscreening, con sistema brevettato di vagliatura, consentono la scelta e la variazione della granulometria del materiale da vagliare direttamente dalla cabina. Nessuna sostituzione di parti meccaniche della vagliatrice, nessun fermo macchina, nessuna necessità di personale a terra attorno all'attrezzo. In queste vagliatrici, 5 modelli per escavatori dalle 5 fino alle 35 t, grazie al nuovo sistema a doppio cestello rotante in HB400, il sistema di variazione della granulometria con comando idraulico in cabina permette la selezione in tempo reale dello spessore del materiale da 25 a 60 mm (65 per i due modelli VMS20 e VMS30). Adatti per skid loader, pala telescopica e terna sono invece i 3 modelli di benna Multiscreening frontale che sfrutta il medesimo concetto di vagliatura (brevettato, con doppio cestello rotante e comando idraulico in cabina) per una pezzatura da un minimo di 25 mm ad un massimo di 60 mm.
Assolutamente innovativo il design compatto della VMS TWIN F20 per attacco frontale. L'accoppiamento brevettato in orizzontale di due doppi cestelli vaglianti permette di avere una capacità operativa doppia, ma di mantenere invariata l'altezza dell'attrezzatura e, di conseguenza, la visibilità dell'operatore dalla cabina, che non risulta compromessa dalla dimensione del cestello.
Infine, la benna vagliatrice ad alberi (4 modelli per escavatori dalle 3 alle 14 t), adatta alla selezione di materiali derivati dalla demolizione o scavi in genere e alla miscelazione di terreni con torba. La selezione avviene attraverso un gruppo vaglio idraulico a coltelli rotanti in HB400. Gli spessori del materiale selezionato vanno da 0-20 mm a 0-35 mm in configurazione standard (0-20 e 0-30 mm per la benna vagliatrice frontale disponibile in 5 modelli).
Grazie al sistema brevettato è possibile effettuare la sostituzione degli alberi e quindi variare la pezzatura del materiale vagliato, senza intervenire sugli organi di trasmissione. Tutti i coltelli sono realizzati in Hardox 400, materiale di durezza superiore ai tradizionali acciai da costruzione. L'attrezzatura è robusta e duratura nel tempo. La valvola antiurto protegge il motore dai picchi di pressione.
Su richiesta possono essere realizzati alberi secondo le esigenze del cliente, perché essere vicino al cliente e rispondere alle sue esigenze è la grande forza di Cangini Benne Srl, tanto che il grande successo ottenuto a bauma ne è la più concreta manifestazione.

 

Share