Vecoplan Per un materiale in uscita di altà qualità

I combustibili alternativi stanno assumendo un ruolo sempre più importante nell’industria del cemento. Questi combustibili vengono creati tramite processi meccanico-biologici o impianti di selezione industriali. Proprio per questo, l’azienda di riciclaggio bulgara, Ecoinvest Assets, ha riposto tutta la sua fiducia in Vecoplan per la realizzazione di una linea completa. Il fulcro del sistema è il processo di triturazione primaria e secondaria con l’obiettivo di ottenere un materiale in uscita di alta qualità

I combustibili alternativi garantiscono una situazione vantaggiosa per tutti gli interessati nell'industria del cemento ad alta intensità energetica, produttori di cemento, comunità locali e l'ambiente. Questo perché l'utilizzo dei combustibili alternativi non conserva solo le risorse dei combustibili fossili, ma riduce anche attivamente la contaminazione di CO2 durante la produzione. Di conseguenza, stanno comparendo nuovi concetti di rifiuto nelle regioni circostanti ai cementifici, un effetto collaterale estremamente positivo. Questi concetti sono basati su materiali di scarto provenienti sia da discariche comunali, abitazioni private e simili, sia dall'industria e dal commercio. Tale rifiuto non è tutt'ora utilizzato in molte parti del mondo, causando lo stoccaggio di enormi quantità, spesso lasciate all'aria aperta e in maniera casuale. Gli effetti sulla natura e sull'ambiente sono incalcolabili. Con un concetto appropriato accordato tra comunità locali, cementifici e la corretta tecnologia di lavorazione, queste risorse possono essere utilizzate per produrre Combustibili Solidi Secondari di alta qualità (CSS/CDR). Questo comporta nuove fonti di approvvigionamento dei carburanti, nuove opzioni di discarica e migliora, inoltre la protezione dell'ambiente per le comunità locali.

La tecnica di triturazione vincente
Ecoinvest Assets è uno dei principali specialisti nella lavorazione dei rifiuti in Bulgaria. La strategia risolutiva dell'utente consiste nell'introduzione del concetto di green economy. L'azienda ha predisposto un processo di lavorazione sostenibile per i Combustibili Solidi Secondari (CSS) al fine di posizionarsi in modo ancora più imponente nel proprio segmento di mercato. Durante la ricerca di un fornitore idoneo, l'azienda entra in contatto con gli specialisti del riciclaggio, Vecoplan AG, i quali si sono contraddistinti sia per la notevole esperienza nell'ingegneria e nella progettazione, sia per i componenti robusti e ben collaudati, includendo trituratori altamente efficienti.
Vecoplan AG ha la sua sede principale a Bad Marienberg nella Westerwald in Germania. Proprio qui, la casa costruttrice progetta sistemi per la triturazione, trasporto e lavorazione del legno, biomassa, plastica, carta, rifiuti domestici e commerciali. Nel frattempo, Vecoplan impiega quasi 400 dipendenti. Le responsabilità del team includono inoltre vari servizi: dalla gestione completa del progetto e questioni annesse, all'installazione, avviamento e manutenzione. In questo modo, il cliente può ottenere tutto ciò di cui ha bisogno da una singola fonte.

Elevate richieste per linee di trattamento complete
Ecoinvest ha riposto alte aspettative nei confronti dei macchinari installati, principalmente relative a portata, durata, risparmio energetico e qualità del prodotto in uscita. È stato richiesto un sistema completo, efficiente e moderno, in grado di gestire in modo sicuro sia materiali molto umidi, sia rifiuti domestici e industriali non omogenei. Il materiale in uscita per l'inceneritore principale doveva essere fornito con CSS avente una qualità di combustione ottimale. La granulometria doveva essere inferiore a 30 mm ed esente da corpi estranei. Un ulteriore aspetto riguardava la necessità del riciclatore di raggiungere un elevato valore aggiunto ed efficienza energetica con la nuova linea per ottenere il massimo rendimento. Fattori importanti erano anche minima manutenzione e assistenza affidabile. Gli specialisti Vecoplan hanno progettato inizialmente il sistema completo durante una fase d'ingegneria dettagliata, svolgendo test con il materiale per ottenere i migliori risultati relativi alla qualità del CSS in uscita. Proprio per questo motivo, il sistema è stato progettato in anticipo per adattarsi al materiale in entrata. Le due aziende hanno definito congiuntamente il mix di materiale di rifiuti industriali e domestici disponibile per evitare un processo aggiuntivo di essiccazione del materiale. La lavorazione del CSS fornisce il massimo valore aggiunto sia in tutto il processo di triturazione primaria e secondaria, sia in tutti gli step aggiuntivi coinvolti nella preparazione nel materiale.

Dall'ingegneria all'avviamento
Vecoplan ha progettato un sistema di elevata durata nel suo complesso, grazie all'ingegneria e alla gestione del progetto e fornendo tutti i componenti del sistema centrale. Il compito dell'azienda include inoltre l'integrazione di commerci locali quali: acciaierie, società addette al montaggio e all'installazione elettrica. Inoltre, Vecoplan fornisce un servizio di supervisione al montaggio ed esegue l'avviamento.
Il rifiuto viene poi trasportato in un padiglione di lavorazione mediante caricatore per poi alimentare il trituratore bialbero Vecoplan VVZ 190 Taifun. Il sistema tritura il materiale fino a una dimensione omogenea inferiore a 250 mm. La macchina è dotata di lame e controlame sostituibili per garantire una granulometria omogenea. I due rotori, completamente automatici, indipendenti e robusti, permettono un funzionamento silenzioso ed elevato momento torcente fino a 2 x 55,000 Newton/metro in caso di materiali difficili da triturare. Per questo trattamento, sono stati installati due azionamenti diretti HiTorc a risparmio energetico da 155 kW, controllati da due inverter da 315 kW. Gli azionamenti sincroni non necessitano di elementi meccanici come cinghie, volani o trasmissioni; sono dotati di una buona efficienza e sono notevolmente meno sensibili alla presenza di corpi estranei. Rispetto agli azionamenti con cinghie o idraulici, l'operatore può risparmiare dal 40 al 60% di energia nella fase di triturazione primaria.
Per processare ulteriormente materiale, dopo la triturazione primaria, questo viene distribuito a due sezioni identiche mediante un nastro trasportatore robusto e reversibile. Il nastro trasportatore trasporta il rifiuto triturato a un separatore magnetico sopra il nastro modello VÜB che, con i suoi potenti elettromagneti, rimuove in modo affidabile tutto il materiale ferroso. A questo punto, dei caricatori possono alimentare ulteriore il materiale pre-triturato per entrambe le parti del sistema mediante trasportatore a catena. I materiali vengono poi trasportati al processo successivo mediante nastri trasportatori.
Un separatore aeraulico separa il flusso di materiali in frazioni pesanti e leggere. Unitamente alla triturazione, il separatore aeraulico è uno step importante verso una migliore qualità del CSS per quanto riguarda il contenuto di materiale 3D, inerti e componenti in cloro. I materiali leggeri vengono trasportati ad alta velocità nella camera di espansione mediante corrente ad aria. Qui, la velocità dell'aria si riduce a un'estensione tale che i materiali leggeri vengono depositati su un nastro di estrazione. Elementi quali pietre, parti non ferrose, pezzi di grandi dimensioni di legno o suole di scarpe in PVC con elevato contenuto di cloro vengono separati con la frazione pesante. Nel separatore aeraulico, i materiali pesanti cadono in un nastro di estrazione di fronte a un tamburo rotante. Questo nastro trasporta il materiale a una stazione di carico con container, dove viene poi trasportato a due container attraverso un ulteriore nastro trasportatore su una piattaforma girevole. Poiché la distribuzione avviene mediante piattaforma girevole, si è in grado di cambiare i container senza fermare il sistema.

Una potente triturazione secondaria
Il nastro di estrazione per la frazione leggera trasporta il materiale per la raffinazione. Per tale processo, Vecoplan ha installato due trituratori monorotore
VAZ 2500 RS F T. L'operatore è in grado di far funzionare i trituratori ad elevate performance ad una portata costante ottenendo una qualità omogenea del materiale in uscita. Ogni macchina è allestita con un motore HiTorc ad avviamento rapido e dinamico. I motori a risparmio energetico lavorano con una potenza di 247 kW e inverter da 315 kW, con un cassetto spintore dipendente dal carico e controllato mediante inverter al fine di ottenere un'alimentazione ottimale del materiale, e con una tecnologia innovativa con "flipper". Qui, la pressione dell'aria compressa mantiene la controbarra in posizione di lavoro, la quale monta lateralmente elementi di regolazione per assicurare una posizione precisa della controbarra per il futuro. Inoltre, questi elementi garantiscono un minimo spazio tra gli utensili di taglio.
Il sensore di controllo risponde velocemente agli impatti causati da corpi estranei intriturabili. Nel fare ciò, la controbarra si abbassa per prevenire conseguenti danni all'unità di taglio. Durante il fermo macchina, un operatore può sollevare la griglia pneumatica e abbassare la controbarra premendo un pulsante. L'apertura dell'unità di taglio è accessibile liberamente e facilmente dalla parte frontale sia per rimuovere materiali estranei, sia per eseguire lavori di manutenzione e ispezione.
Per ottenere la massima performance di taglio, i trituratori, per quest'applicazione, sono allestiti con 114 coltelli di dimensione 60 x 60 millimetri. Ogni lama può essere utilizzata fino a quattro volte. Inoltre, sono presenti controlame multiparte e rinforzate che possono essere utilizzate due volte. Il trituratore secondario VAZ garantisce una granulometria uniforme grazie al minimo spazio di taglio. In aggiunta, il controllo automatico S7 regola automaticamente il materiale in entrata ottenendo una triturazione ottimale. Ogni macchina processa circa sette tonnellate di materiale all'ora per produrre una granulometria del materiale uniforme inferiore a 30 mm. La macchina lavora per 16 ore al giorno in due turni, triturando almeno 50.000 tonnellate di materiale all'anno. Dopo la triturazione secondaria, i nastri trasportatori trasportano il CSS a un potente magnete sopranastro, il quale estrae ulteriori parti metalliche o ferrose dal materiale. Dei trasportatori a catena chiusi, poi, lo trasportano verso un'area aperta, dove dei caricatori raccolgono il CSS e lo portano verso superfici di carico per camion.
Vecoplan ha realizzato un sistema completo in grado di produrre combustibili alternativi di alta qualità con minimi costi operativi. Tutti i componenti del sistema sono collegati l'uno con l'altro. Di conseguenza, la tecnologia robusta è in grado di raggiunge elevata disponibilità e di gestire anche i corpi estranei in modo sicuro. Con il successo nella realizzazione di questo progetto, Ecoinvest può ora vantare di un sistema di trattamento all'avanguardia in tutta l'area dell'Est Europa. Il sistema sta funzionando in modo continuo e affidabile sin dal suo avviamento. Vecoplan fornisce assistenza e supporto per tutti i lavori di manutenzione con il suo programma Live Service. Tramite questo strumento online, i tecnici specialisti sono attivamente disponibili in qualsiasi momento via chat, conferenza online o tramite accesso diretto al sistema.

Prospettive future: la lavorazione del CSS
Sebbene il costo dei combustibili primari sia attualmente a un livello basso, i combustibili alternativi provenienti dai rifiuti diventeranno sempre più importanti a lungo termine per l'industria del cemento. Questo perché, alla luce degli obiettivi di riduzione dei livelli di CO2 e cambiamento energetico, l'utilizzo efficiente sul piano energetico di tali combustibili apporta un contributo significativo per la riduzione dell'utilizzo di fonti di energia fossile. Gli operatori attivi nell'industria del cemento possono quindi risparmiare sui costi a lungo termine e dare un contributo importante alla protezione ambientale.

 

Share